Stile cottagecore

Il mood perfetto per i nostalgici del passato

stile cottagecore

Articolo di

Categoria

Design

Pubblicato il

28 Settembre 2021

Si è diffuso a macchia d’olio, riscontrando un inaspettato successo grazie ai social media: stiamo parlando dello stile cottagecore. Non si tratta di una tendenza che interessa solo le scelte estetiche della propria casa, bensì di un vero e proprio modus vivendi che prende spunto dallo stile inglese e da quello vintage. Infatti, è particolarmente adatto a rustici e casolari che spesso, oggi vengono recuperati da persone che decidono di trasferirsi in campagna, per condurre uno stile di vita più lento e rilassato rispetto a quello proprio delle città.

Vediamo ora di cosa si tratta e quali sono i must have dello stile cottagecore.

In cosa consiste lo stile cottagecore

Uno degli elementi che sta alla base di questa tendenza è la ripresa fedele dell’antico, attraverso la ricerca attenta di arredi di antiquariato e complementi vintage. L’obiettivo consiste nel ricreare atmosfere rilassanti e romantiche. Attraverso l’impiego di materiali naturali come il legno grezzo, la paglia e il rattan, gli ambienti interni richiamano la vita agreste di un tempo.

stile cottagecore immagine interno romantico

Inoltre, dal desiderio di recuperare i ritmi lenti del passato e dal gusto per l’artigianato curato nei minimi dettagli, gli amanti del cottagecore sono soliti ricercare antiche porcellane, centrini, oggetti retrò e arredi che richiamano lo scenario delle praterie.

Attraverso la ricerca costante, gli ambienti interni saranno organizzati secondo il gusto e l’esigenza di chi vive la casa e gli spazi saranno vitali e sostenibili. Infatti, l’uso di materiali naturali e di colori che richiamano la campagna e i paesaggi verdi, renderà l’insieme accogliente e rilassante. Saranno quindi perfetti i toni caldi e pastello come il giallino, il verde salvia, il malva e il lavanda. Infine, le pareti potranno vestirsi con carte da parati floreali o con stampe antiche che riproducono elementi relativi al mondo della botanica.

Cosa non può mancare in una casa in stile cottagecore

Uno dei principi cardine dello stile cottagecore è rappresentato dalla scelta sostenibile, interpretata in termini ambientali, economici e sociali. Un altro aspetto riguarda gli elementi retrò e di seconda mano che, se scelti con cura, apporteranno un plus valore all’insieme.

Vediamo ora quali sono i principali must have che tutti dovrebbero avere in una casa in perfetto stile cottagecore.

1. Il tavolo da campagna con le sedie d’epoca

Rigorosamente di legno, ancora meglio se grezzo ed opaco, il tavolo da pranzo è fulcro della zona conviviale e riveste un’importante funzione all’interno della zona giorno. Le dimensioni possono variare a seconda delle necessità, la forma anche: rotondo o rettangolare, quello che importa è che sia accompagnato da sedie antiche e confortevoli. Un’idea originale può essere quella di scegliere una sedia diversa dall’altra purché siano tutte in stile retrò. La chicca dei tavoli antichi è rappresentata dal cassettino per riporre tovaglie e strofinacci e dalla sbarra poggiapiedi in legno. 

Per visionare qualche disegno tecnico di tavoli d’epoca clicca qui

2. La credenza

Esempio di credenza antica in legno con ante superiori in vetro

Tutti ricorderanno la credenza della nonna dove trovavano posto i servizi di piatti e bicchieri destinati agli ospiti. Oggi è tornata di gran moda, non solo nelle case d’epoca ma anche in ambienti dall’arredo moderno così da ricreare un piacevole “effetto sorpresa”. La sua rinascita è dovuta in parte al desiderio di ricreare un senso di fascino e nostalgia per il passato, così come per la sua funzionalità nel fornire spazio per la visualizzazione e lo stoccaggio di oggetti.
Per la casa in stile cottagecore è importante sceglierla in legno neutro o colorato e meglio se con le ante provviste di vetri preziosi e decorati; si integrano bene con l’arredamento rustico e possono aggiungere un tocco di colore o calore alla stanza.
Le ante con vetri preziosi e decorati aggiungono un tocco di eleganza e raffinatezza alla credenza, creando un punto focale visivo e consentendo agli oggetti esposti di essere ammirati in modo più dettagliato.

3. Il divano di velluto

Che sia a due o più posti, il divano di velluto non può mancare nella casa dal sapore vintage. Sarà bene sceglierlo per la sua comodità, in tinta con il resto della casa o in una colorazione diversa per renderlo elemento cardine dell’ambiente.

4. La sedia a dondolo

Evocativa di un’atmosfera quasi fiabesca, la sedia a dondolo è perfetta se l’ambiente ha dimensioni generose. Preferibilmente in legno, può essere arricchita da sedili imbottiti e cuscini in velluto nelle tinte del borgogna, verde e ocra. Grazie al suo movimento oscillatorio sarà possibile godere di momenti di pace e relax.

5. Il letto in ferro battuto

Uno dei maggiori vantaggi del letto in ferro battuto consiste nella possibilità di inserirlo in ambienti con armadi e arredi in stile diverso. Spesso si tratta di prodotti artigianali che vengono sottoposti a numerose lavorazioni per renderli antichizzati e riccamente decorati. Il risultato è un letto dal sapore romantico e ricercato.

6. I Bauli e le ceste

Oltre a mantenere l’ordine all’interno degli ambienti, ceste e bauli rappresentano complementi in grado di arricchire l’estetica della camera. Qualora se ne abbia la possibilità, è consigliato recuperare i vecchi bauli delle nonne, veri e propri pezzi di antiquariato e dal prezioso valore economico ed affettivo. Nel caso delle ceste, il tocco in più viene dato da fiocchi e passamanerie in raso o velluto.

7. Le porcellane antiche, i centrini e le tovaglie

Attraverso un’attenta ricerca, sarà possibile selezionare antiche porcellane o complementi realizzati artigianalmente con la cura di un tempo. Piatti, teiere e tazzine potranno essere riposte all’interno di credenze in legno massello o su centrini ricamati a mano. Tutti i tessili per la cucina sono preferibili in fibre naturali come cotone e lino.

Stile cottagecore porcellane e centrini
Foto: Unsplash

8. La carta da parati

Regina indiscussa negli ambienti interni del passato e del presente, la carta da parati non può mancare nella casa in stile cottagecore. È ottimale scegliere texture e motivi dal sapore retrò come paesaggi agresti, elementi vegetali e fiori colorati. La scelta vincente è quella di inserirla in cucina, prestando attenzione al trattamento impermeabilizzante. L’effetto sorpresa sarà garantito.     

9. Le pentole e le stoviglie a vista

Può sembrare una scelta azzardata, soprattutto per chi tiene molto all’ordine e all’igiene, ma stoviglie e pentole a vista donano alla cucina un aspetto caldo, accogliente e “vissuto”. Insomma, tutto ciò che si addice ad una casa cottagecore. Da appendere ai binari sulla dorsale della cucina o ai ganci distribuiti secondo un ordine preciso sulle pareti, assicureranno praticità e velocità nell’uso.

10. I fiori di stagione e le piante

L’elemento verde negli spazi al chiuso ha da sempre donato una particolare vitalità, rendendo gli ambienti più freschi e rilassanti. Ne sono un esempio i vasi con fiori di stagione sui tavoli in legno grezzo, le piante aromatiche sul davanzale o ancora i fiori in vasi sospesi o a parete. Infine, se si è amanti dei complementi d’arredo vintage, saranno perfetti vasi antichi con bassorilievi o decorazioni intagliate.

Stile cottagecore credenza con vaso di fiori

Per scoprire la bellezza del disegno in 2d di un vaso antico clicca qui

categorie blocchi cad correlate

Pareti attrezzate classiche

Tavoli

Vasi antichi

Lascia un commento

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.