Case per le persone

Una sfida urgente per l'immaginazione civica e sociale

Case per le persone

Articolo di

Categoria

Vivere l'architettura - Eventi

Pubblicato il

18 Luglio 2019

Editoriale di Manon Mollard su The Architectural Rewiew

La combinazione dei vincitori del premio AR House Awards 2019 e una serie di progetti di housing sociale in un doppio numero offre una ricca opportunità di esplorare i luoghi in cui viviamo ora e le responsabilità nel progettarli.

Ci sono le case che gli architetti hanno progettato per se stessi. In origine un’estensione, la casa di Santa Monica non solo ha guidato la carriera di Frank Gehry, ma molti sostengono che sia stata anche la sua prima affermazione sul decostruttivismo. A pochi chilometri di distanza, Eames ha costruito la casa “the one house” che racchiude il loro modo di pensare, vedere e stare nel mondo. Ci sono anche le case che gli architetti hanno progettato per gli altri. La grande villa di Le Corbusier, Villa Savoye, è un manifesto costruito, l’incarnazione fisica dei suoi “cinque punti della nuova architettura”, mentre la Maison a Bordeaux di Rem Koolhaas è una “macchina per vivere” più letterale. Progettate come tre case in una, ognuna impilata l’una sull’altra, i pavimenti scorrevoli e le pareti mobili prendono vita sullo schermo con la routine di pulizia di Guadalupe Acedo.

Nel corso della storia, la casa è stata il portabandiera di un’innovazione abbastanza radicale che presagiva più profonde correnti evolutive nell’architettura e nella società, spingendo costantemente i confini del modo in cui viviamo.
Progettare le case delle persone è l’essenza della pratica architettonica; il tipo e lo strumento attraverso cui pensiamo agli spazi in cui dormiamo, i modi in cui interagiamo con i nostri vicini e gli schemi della vita quotidiana.

“Oltre alla necessità di soluzioni architettoniche,
progettare gli spazi in cui viviamo è emersa come una sfida urgente per l’immaginazione civica e sociale”

Quando si progetta per i più poveri della società, la sfida e il senso del dovere si intensificano. Con il loro mantra di fare sempre il massimo con meno, Lacaton & Vassal sostengono la creazione del “massimo”. La semplicità, sia nell’idea che nel design, delle estensioni dei loro giardini invernali li rende facilmente fruibili dai residenti. Attaccandoli sulle facciate dei blocchi abitativi fatiscenti (una mossa ovvia ora che è stata fatta), dimostrano anche che le idee nate da conversazioni con clienti specifici possono crescere e beneficiare le masse. Testato e approvato a Maison Latapie, il loro primo progetto, la premessa del “lusso nella semplicità” ha acquisito risonanza una volta realizzata su vasta scala e non ha ancora realizzato il suo vero potenziale.

L’edilizia sociale, in tutte le sue complessità e contraddizioni, è un argomento difficile. C’è un piccolo inconveniente nella storia, quell’episodio fugace sulla linea del tempo del 20° secolo in cui “social housing“, come termine, come idea e come diritto, era carico di significato; quando i governi hanno riconosciuto la priorità di fornire case ai più bisognosi. Oggi il concetto è stato confuso. Non esiste una definizione rigorosa, specialmente non su scala globale. In questo numero, abbiamo scelto progetti e pratiche come casi di studio per aiutarci a comprendere le idee più ampie, dai modelli di finanziamento che le hanno rese possibili, alle innovazioni che stanno cercando di promuovere. Un edificio di recente costruzione sulla piccola isola di Formentera dimostra con entusiasmo, con l’uso incongruo di posidonia, che persino con budget molto limitati, l’architettura può fungere da incubatore di idee per mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

Qui a Londra c’è il “vero e proprio edificio popolare” che Peter Barber è così impegnato, così orgoglioso (e giustamente) da resuscitare, popolando lentamente i quartieri londinesi con gli archetipi vernacolari reinventati in mattoni caratteristici, che vanno dal giallo tenero all’avorio. Nonostante questa timida riemergenza di alloggi sociali, il suo portafoglio traccia l’onnipresente passaggio dall’alloggio come diritto all’alloggio come merce. Sia nel Regno Unito che nel resto del mondo, la casa è diventata uno strumento di speculazione finanziaria priva della sua funzione sociale. Oltre alla necessità di soluzioni architettoniche, progettare gli spazi in cui viviamo è emersa come una sfida urgente per l’immaginazione civica e sociale.

L’immagine di copertina e quella sopra, di Peter Barber Architects – Coldbath Town a Londra Clerkenwell è un progetto finanziato con fondi pubblici che offre proprietà economiche a circa 100 aziende e alloggi per circa 2.500 persone a basso reddito. Caratterizzato da terrazze solarium a gradoni, finestre a bow window, balconi e porte frontali colorate, forma un bellissimo quartiere urbano.

Questo articolo è presente nel numero AR luglio / agosto su AR House + Social housing
Fonte: www.architectural-review.com
Articolo tradotto: https://www.architectural-review.com/essays/letters-from-the-editor
17 Luglio 2019 by Manon Mollard

Lascia un commento

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.